Home Tour Temi Eventi Vino Gastronomia Hotel Info Profilo Foto Link

 

Il Teatro alla Scala di Milano

teatro scala milano

Forse non molti sanno come il più importante teatro d'opera d'Italia, forse il più famoso al mondo, abbia il suo nome legato alla città di Verona e alla sua storia medievale. Bisogna andare indietro al '300, quando Verona con la potente signoria Scaligera era capitale di un vasto territorio che occupava buona parte del nord-est d'Italia. Come spesso accadeva allora, anche gli Scaligeri, oltre alle numerose guerre, cercarono di consolidare il proprio dominio anche con alleanze strette con signori e stati limitrofi attraverso una politica matrimoniale. Fu così che Mastino II della Scala, erede del celebre Cangrade, nel 1350 diede in sposa la figlia Beatrice a Bernabò Visconti, eminente esponente della signoria che da Milano stava espandendo la propria influenza sulla Lombardia fino alle coste occidentali del lago di Garda, proprio al confine coi possedimenti veronesi. Il legame, sebbene combinato secondo precise strategie politiche si rivelò forte e duraturo, tanto che Beatrice della Scala e Bernabò Visconti ebbero quindici figli e alla di lei morte nel 1384, il consorte impose per un anno il lutto a tutta la cittadinanza milanese. Beatrice, per la grande dignità e il regale portamento fu detta Regina.
Fu ella che fece ricostruire a Milano la chiesa di Santa Veronica nei pressi di Porta Nuova. Terminati i lavori nel 1381, la chiesa fu dedicata all'Assunzione della Vergine, ma venne ben presto chiamata con il nome della sua fondatrice: Santa Maria della Scala.
La chiesa godette di alterne fortune nel corso dei secoli, fino a cadere in rovina. Nel 1776, sotto la dominazione austriaca di Milano, Maria Teresa d'Asburgo decretò la demolizione della vecchia chiesa per far posto alla costruzione di un teatro che conservò nel nome, la memoria dell'antico edificio: il Teatro alla Scala.

chiesa santa madia della scala

Il teatro alla Scala venne progettato da Giuseppe Piermarini in sostituzione del Teatro Ducale che era andato distrutto da un incendio nel 1776. L'inaugurazione avvenne nel 1778 con l'opera l'Europa riconosciuta di Salieri, proprio un autore veronese.
L'esterno del teatro alla Scala presenta un aspetto piuttosto modesto, caratteristico di molte architetture neoclassice.
L'interno invece è un tipico esempio di teatro all'italiana, con la sala a forma di ferro di cavallo. Nel 1807 la decorazione interna policroma fu sostituita da un impianto anch'esso neoclassico ideato dallo scenografo Giovanni Perego. L'attuale ornamentazione invece risale al 1830 con l'intervento del Sanquirico.
Fin dalle prime stagioni operistiche il teatro alla Scala si impose in campo internazionale per l'eccezionale qualità delle esecuzioni e la rinomanza degli interpreti, scelti tra i più prestigiosi in ogni tempo e nazione, e ha legato il suo nome alla più gloriosa tradizione melodrammatica italiana. Tra i numerosi capolavori che vi furono dati in prima esecuzione figurano la Norma di Bellini, Nabucco, Otello e Falstaff di Verdi, Mefistofele di Boito, Madama Butterfly e Turandot di Puccini.

La Seconda Guerra Mondiale e la Ricostruzione

Il teatro alla Scala fu quasi completamente distrutto da un bombardamento alleato durante la seconda guerra mondiale e ricostruito a tempo di record per essere riaperto nel 1946. L'inaugurazione fu affidata ad Arturo Toscanini ritornato dagli Stati Uniti. Negli anni sono stati grandi interpreti della Scala i più famosi cantanti, ballerine e direttori d'orchestra del mondo.
Accando a quella teatrale, la Scala svolge, in primavera e autunno, attività in campo sinfonico. Annesso al ridotto è il Museo teatrale della Scala, inaugurato nel 1913 e contenente, oltre a un'imponente biblioteca teatrale, collezioni di autografi, ritratti, oggetti preziosi e artistici legati alla storia del teatro musicale.
Nell'ambito del teatro operano una scuola di ballo (1813) e una scuola di perfezionamento per giovani cantanti, costiuita nel 1946.
Nel 1955 è stata affiancata all'attività della Scala quella della Piccola Scala, teatro di piccole dimensioni adiacente a quello maggiore, nel quale hanno luogo rappresentazioni di opere teatrali antiche e moderne che richiedono un apparato scenico e un organico di ridote dimensioni, nonché numerose manifestazioni concertistiche e culturali.

Milano, e la Scala, distano poco più di un'ora di treno o macchina da Verona e possono diventare un bellissima meta per una gita o una serata indimenticabile. Per informazioni su biglietti per la Scala di Milano e pacchetti turistici tutto compreso:

info@veronissima.com

 

 

home - tour - temi- eventi - vini - gastronomia - hotel - info - profilo - foto - archivio - link
www.veronissima.com 2007