Villa Della Torre (Allegrini)

Le altre ville con cantina a Verona

Villa Mosconi Bertani

la facciata di villa Mosconi Bertani in Valpolicella

Visita
Villa della Torre

la facciata di villa della Torre

Visita
Tenuta Serego Alighieri

tenuta serego alighieri dall'alto

Visita
Villa Pojega

villa Pojega e il giardino

Visita
Villa Santa Sofia

Villa Santa Sofia

Visita

la facciata di villa della Torre in Valpolicella

Villa della Torre in Valpolicella è un capolavoro di architettura rinascimentale italiana, armoniosa reinterpretazione della domus romana. Cela però una complessa simbologia legata forse a misteriosi riti iniziatici di cui gli immensi camini grotteschi sono solo l'elemento più evidente. La visita di villa della Torre è certamente una delle cose da fare in Valpolicella.

Informazioni e prenotazioni

+39 333 2199 645 info@veronissima.com P.I. 03616420232 C.F. CPPMHL74L13L781C

una delle camere di villa della Torre

Villa della Torre è oggi proprietà delle cantine Allegrini di Fumane che ne hanno fatto il cuore delle loro attività di promozione ed enoturismo. È aperta al pubblico e visitabile. La villa è circondata dai vigneti con cui si produce il celebre vino Palazzo della Torre, è dotata di wine shop e di un'elegante sala degustazione. È inoltre possibile pernottare in una delle stanze finemente restaurate della villa e organizzarvi cene ed eventi privati.

La storia della villa

Fu commissionata da Giulio della Torre, membro di una ricca e potente famiglia veneta, intellettuale e umanista, amico e collaboratore delle più grandi personalità dell'epoca. Venne terminata attorno al 1560 ma tuttora si dibatte sulla paternità del progetto. Molti riferimenti stilistici fanno pensare a Giulio Romano. Negli stessi anni era a Mantova e realizzava per i Gonzaga Palazzo Te, con il quale villa della Torre ha molto in comune. Altre ipotesi chiamano in causa Michele Sanmicheli, principale architetto veronese del '500, Bartolomeo Ridolfi e lo stesso Giulio della Torre che, da buon intellettuale umanista, coltivava tra i numerosi interessi anche l'architettura.
L'edificio è caratterizzato da grande originalità e complessità. Non era infatti solo una dimora di campagna, centro di attività agricole e gestione del territorio ma, come tutte le cosiddette ville venete, era anche un luogo per la pace dell'anima e del corpo secondo i canoni dagli autori latini tanto amati dalla tradizione rinascimentale e umanistica italiana.
E forse nasconde anche qualcosa di più misterioso.

La Struttura di Villa della Torre

Atrio e Peristilio

Al centro dell'edificio c'è un cortile (atrium) attorno al quale si sviluppa un peristilio, il portico sorretto da colonne tipico della domus, la residenza patrizia romana. Al centro una grande vasca in pietra funge da simbolico impluvium, il bacino di raccolta dell'acqua piovana delle dimore antiche. Dal peristilio si accede alle stanze. Il peristilio era il luogo che accoglieva gli ospiti di Giulio della Torre, che qui venivano a trascorre ozii letterari, dedicati alla poesia, alla lettura dei classici e alla contemplazione della natura della Valpolicella.

I Camini

il camino di Villa della Torre a forma di Leone

La caratteristica che ha reso celebre villa della Torre sono gli immensi camini delle varie stanze a pian terreno, gigantesche sculture ricavate ciascuna da un unico blocco di pietra all'interno delle quali è collocato il focolare. Rappresentano rispettivamente un leone, due mostri marini, un gigante demoniaco. Molto si è discusso sul significato di queste opere grottesche, più uniche che rare, che tuttavia resta avvolto nel mistero, da ricercare nel complesso simbolismo che pervade la struttura stessa di Villa della Torre.

il camino di Villa della Torre a forma di demone

La Peschiera

Di fronte alla facciata della villa verso strada vi è la peschiera, una serie di vasche utilizzate per irrigare gli orti e il giardino all'italiana che gli sorgeva un tempo davanti, e per stupire i visitatori con giochi d'acqua. La similitudine con Palazzo Te a Mantova è evidente. È uno degli elementi che hanno convinto alcuni studiosi ad attribuire la villa a Giulio Romano o quantomeno alla sua scuola.

La grotta

Alla base della villa si trova uno dei suoi luoghi più misteriosi e affascinanti. Una grotta a pianta ottagonale con soffitto a volta retto da un pilastro centrale. Vi si accede da un'apertura a forma di bocca mostruosa. Le pareti sono decorate con conchiglie marine, ciottoli di fiume, cristalli, spugne fossili. All'interno della grotta, che poteva essere chiusa da porte scorrevoli di pietra oggi perdute, si aprono alcune strette feritoie lungo le pareti. Non è ancora chiaro l'utilizzo o il significato simbolico di questo luogo.

Il tempietto

Nella parte alta di villa della Torre, leggermente staccata dal resto dell'edifio, sorge un piccola chiesa a pianta ottagonale che secondo il Vasari fu disegnata da Michele Sanmicheli. Completa il tempietto, un caratteristico campanile perfettamente conservato.

Percorso iniziatico

Alcune interpretazioni del complesso impianto simbolico di Villa della Torre le attribuiscono il valore di luogo dove seguire un percorso iniziatico di elevazione dal profano al sacro, dal primordiale allo spirituale. La struttura è infatti articolata su tre livelli.
Partendo dal basso, da dentro la grotta che rappresenta le viscere primordiali da cui ha avuto origine l'uomo, si percorre un itinerario a salire che termina con la chiesa nella parte alta della proprietà. Nel mezzo i 4 elementi: la terra della grotta, l'acqua della peschiera e dell'impluvium, il fuoco dei camini. Questi ultimi rappresenterebbero le prove che l'uomo deve affrontare e vincere per elevarsi: l'istinto bestiale e le tentazioni del demonio.
Questo alone di mistero attorno ai veri significati di villa della Torre non fa che aggiungere fascino a questo luogo straordinario.

Visite guidate e degustazioni

la sala degustazione di villa della Torre

Dopo un lungo periodo di chiusura al pubblico, Villa della Torre è stata finalmente restaurata diventando luogo di rappresentanza e di ospitalità delle cantine Allegrini. Vi si svolgono visite guidate su prenotazione, sia per turisti individuali, che per piccoli o grandi gruppi organizzati. Durante l'itinerario guidato vengono illustrati tutti i vari ambienti della villa: le sale con i camini, il peristilio, la peschiera, il tempietto..

Al termine della visita guidata di Villa della Torre è possibile organizzare degustazioni guidate dei vini Allegrini, anche accompagnate da assaggi di prodotti locali
Nel corso dell'anno la villa ospita numerosi eventi culturali come concerti, convegni, presentazioni.
È a disposizione per l'organizzazione di eventi e attività private come feste, matrimoni, ricevimenti, meeting aziendali, corsi di cucina, ecc.

Le Cantine Allegrini

la bottaia delle cantine Allegrini

Villa della Torre è il luogo di rappresentanza dell'azienda vinicola Allegrini. Il vino viene però prodotto e affinato nella vicina sede operativa, nel paese di Fumane, uno dei cinque comuni della Valpolicella Classica.
Allegrini è ancora una proprietà a gestione familiare anche se si tratta di uno dei brand più importanti e riconosciuti della Valpolicella. La filosofia Allegrini è sempre stata quella di non rinunciare all'innovazione se il risultato è un vino migliore. Accanto alle metodologie tradizionali sono stati tra i primi a limitare le rese in vigna, privilegiando impianti a guyot, a sperimentare la barrique di rovere francese, a realizzare vini monovitigno (La Poja) a costruire moderni fruttai per l'appassimento delle uve in ambiente controllato. I vini Allegrini negli anni hanno ottenuto un grandissimo successo, a livello nazionale e internazionale. Sul mercato statunitense e asiatico sono diventati ambasciatori della Valpolicella. Le uve sono coltivate in alcune delle migliori aree di produzioni della Valpolicella come la Grola, l'ultima collina occidentale della Valpolicella.

Oltre ai più tipici vini della Valpolicella come Valpolicella Classico, Amarone e Recioto, all'esclusiva Amarone Riserva Fieramonti, nel wine shop di Villa della Torre troverai un'ampia gamma che include and innovativi IGT. Vini nati dalla creatività degli enologi che vogliono andare oltre i limiti imposti dai rigidi disciplinari DOC e DOCG. Vino di punta di Allegrini ad esempio è la Poja, un IGT 100% uva Corvina Veronese coltivata sulla sommità della collina Grola, una delle zone più vocate di tutta la Valpolicella. Negli ultimi decenni inoltre Allegrini ha acquisito alcune tenute in importanti zone di produzione toscane come Montalcino e Bolgheri. I vini di queste tenute sono tutti in degustazione e vendita nel wine shop. Avrai solo l'imbarazzo della scelta.

Wine Shop

Il wine shop di Villa della Torre è aperto per degustazioni informali e acquisti.

C'è la possibilità di acquistare vino on line.
Le cantine Allegrini con la bottaia storica sono visitabili su prenotazione.

Villa della Torre dista circa 30' di macchina dal centro di Verona.
Per contattare direttamente la villa: +39 045 683 2070.


Per domande e informazioni più dettagliate su percorsi guidati, visite in cantina, o ai vari monumeni, ville e chiese o per organizzare una visita guidata in Valpolicella non esitate a contattarci.

Per ulteriori informazioni e prenotazioni

+39 333 2199 645 info@veronissima.com P.I. 03616420232 C.F. CPPMHL74L13L781C