Verona Austriaca

Informazioni e prenotazioni:

☎: +39 333 2199 645

info@veronissima.com

forte san leonardo

Forte San Leonardo. La trasformazione in santuario negli anni '50 non ha dissimula la forma austera dell'edificio militare che domina Verona dall'alto.

Con il Congresso di Vienna del 1815 Verona entra a far parte dei possedimenti austriaci nel Lombardo-Veneto. Ancora una volta la sua posizione la rende un punto strategicamente importantissimo per i nuovi dominatori tanto che Verona diviene capitale dei possedimenti austriaci in Italia, piazzaforte principale del famoso Quadrilatero, centro logistico e militare.

Nel 1822 si svolge il Congresso di Verona. I governanti di quasi tutti i paesi europei si incontrano nella città scaligera.
Con il 1833, gli ingegneri austriaci guidati dal tenente colonnello Franz von Scholl ridisegnano l'aspetto di Verona con la costruzione di un formidabile sistema difensivo con mura bastionate, porte e forti. All'interno della città sorgono edifici funzionali: l'ospedale, l'arsenale, la Santa Marta, il panificio dove si produceva il pane e le gallette per tutti i soldati del quadrilatero. In cima a colle San Pietro, sul luogo dove nei secoli i dominatori di Verona avevano eretto la propria fortezza, viene edificato un vero e proprio castello, oggi quasi nascosto dai cipressi piantati per nascondere il segno più evidente della dominazione straniera. Sono tutte opere che al di là della loro funzione stupiscono anche per le qualità estetica e possono divenire tappe di itinerari guidati con le nostre guide turistiche che sapranno accompagnarvi in tutti il luoghi da vedere della Verona austriaca.
I percorsi sono particolarmente indicati a scolaresche, appassionati di storia, architettura e strategia militare.

L'itinerario

L'itinerarario guidato nella Verona austriaca si snoda lungo le fortificazioni e gli edifici cittadini anche se può essere esteso alle realizzazioni fuori città e in provincia, soprattutto verso il lago di Garda.
Con il pullman o a piedi si percorrono le Mura cittadine. La guida turistica potrà così illustrare come gli interventi austriaci si fondono con le strutture veneziane preesistenti cui vengono aggiunti terrapieni, muri alla Carnot e bastioni. Lungo il percorso si può vedere l'esterno dell'ospedale militare nel suo caratteristico stile neoclassico.

 

arsenale austriaco di verona

L'ingresso dell'Arsenale austriaco a Verona

Passando per porta Fura, la visita prosegue quindi l'interno dell'Arsenale in stile neo-romanico, dove venivano realizzati gli equipaggiamenti per tutte le truppe di stanza nelle fortezze del quadrilatero. La guida turistica illustrerà i bassi edifici, che costituivano gli opifici e il corpo centrale di comando che si estendono su una vasta area ormai nel cuore della nuova espansione cittadina. Le strutture dell'Arsenale solo in parte agibili e ospitano parte delle collezioni del Museo di Storia Naturale. Dall'Arsenale, passato il ponte di Castelvecchio, usato per un certo periodo come tribunale militare in periodo austriaco, si passa poi a visitare l'esterno di palazzo Carli, residenza veronese del feldmaresciallo Radetzky tuttora sede di un comando militare.

Giunti quindi piazza Bra verrà mostrato Palazzo Barbieri, imponente edificio neoclassico che fu sede del comando austriaco a Verona.

La Sinistra Adige

castel san pietro verona

La sponda sinistra dell'Adige. Sul colle, circondata dai cipressi, la caserma austriaca di castel San Pietro

Sulla sponda sinistra dell'Adige, dirigendosi verso l'estremità settentrionale dell'ansa del fiume, si potrà ammirare in tutta la sua imponenza il castel San Pietro che domina Verona dall'alto della cima dell'omonimo colle. Si tratta di una caserma austriaca costruita sul sito in cui, a più riprese nell'arco di tremila anni, paleoveneti, romani, goti, scaligeri e veneziani, edificarono i loro fortilizi. Castel San Pietro è destinato a diventare il nuovo museo della città.
Sempre sulla sinistra Adige la guida turistica potrà illustrare le complesse fortificazioni di porta San Giorgio e il tribunale militare di San Tomaso.

Itinerari Personalizzati

fortificazione austriaca verona

Il parco delle Mura sulle Torricella. Nelle fortificazioni scaligere (14° secolo, in mattoni) si nota l'intervento austriaco (la rondella in pietra)

 

Gli itinerari guidati nella Verona austriaca possono essere strutturati come percorsi di mezza giornata o di una giornata intera.

D'accordo con la guida turistica che vi accompagna, il percorso può essere modificato e ampliato andando a concentrarsi su particolari aspetti delle strutture austriache in città come ad esempio il Parco delle Mura sulle Torricelle, la zona collinare di Verona con i forti San Mattia, Santa Sofia, San Leonardo e le torri massimiliane. Questo percorso costituisce anche una bellissima passeggiata nella natura con scorci mozzafiato sulla città dall'alto.
Un'altro percorso interessante sulla sponda sinistra dell'Adige può includere Veronetta, come venica chiamata con disprezzo dai francesi la zona di Verona assegnata agli austriaci dopo il trattato di Luneville. Sempre di epoca austriaca è anche il cimitero monumentale di Verona dell'architetto Barbieri con i sarcofagi di Von Scholl e della moglie di Radetzky, Porta Campo di Marzio, il panificio Santa Marta in stile neo-gotico e il bastione delle Maddalene, recentemente aperto al pubblico e che permette di vedere in dettaglio l'interno di una struttura fortificata austriaca.

La Provincia

fortificazione austriaca verona

Il forte austriaco di Rivoli all'imbocco della Val d'Adige visto da forte Monte, sul versante opposto, in Valpolicella

Anche tutto il territorio veronese può costituire la destinazione per un itinerari austriaco purché vengano accuratamente selezionate le destinazioni in accordo con la guida turistica così da ottimizzare tempi e spostamenti. Numerosi sono ad esempio i forti della cinta esterna, molti dei quali in strategiche posizioni panoramiche. Ad esempio forte Gisella, il forte di Pastrengo, forte Ardietti, il forte di Rivoli.
Sul lago di Garda, che per quasi vent'anni fu confine tra Regno d'Italia e Impero Austroungarico, si potrà visitare la suggestiva fortezza di Peschiera del Garda o i luoghi delle battaglie risorgimentali come Custoza, San Martino e Solferino.

 

Per qualsiasi domanda o informazioni più dettagliate su visite guidate e itinerari turistici alla Verona austriaca:

 

☎: +39 333 2199 645

info@veronissima.com