Il Vino Soave

Una visita guidata con degustazione in una cantina di Soave permette di scoprire un vino versatile e armonioso. Il territorio è ricco di storia e bellezze naturali. Si può visitare il castello di Soave e Illasi ed effettuare un percorso panoramico sulle colline dell'est veronese. Un tour delle cantine di Soave è un'esperienza bellissima, adatta a tutti: appassionati di vino, curiosi, gruppi organizzati, visitatori individuali e coppie.

24 ottobre

Fossile di ammonite su un marciapiede di Verona
Soave, visita guidata al castello e al borgo.
Ore 15:00
€ 17,00 a persona

Scopri di più
31 ottobre

il castello di Valeggio
Il fantasma di Valeggio | Visita guidata da brivido.
Ore 15:00
€ 10,00 a persona

Scopri di più
Per informazioni e prenotare la vostro visita guidata alle cantine del Soave:

+39 333 2199 645 info@veronissima.com P.I. 03616420232 C.F. CPPMHL74L13L781C

Potrebbe interessarti

Il Castello di Soave

Il castello scaligero di Soave. Storia e visite guidate.

VAI

Le cantine da visitare sono numerose e varie. Ci sono i grandi impianti industriali da milioni di litri all'anno, o le piccole aziende vitivinicole a conduzione famigliare che producono artigianalmente qualche decina di migliaia di bottiglie.
Molte cantine di Soave sono aperte anche nel week end.
Tra Soave e Verona la distanza è di circa mezz'ora di macchina. Questo rende Soave una destinazione ideale anche per una gita di mezza giornata per chi soggiorna a Verona o nelle zone limitrofe.
Sull'autostrada A4 Milano-Venezia uscire al casello Soave-San Bonifacio e in meno di 10 minuti si giunge al borgo.
In treno la stazione più vicina è San Bonifacio, sulla linea Milano-Venezia dove però fermano solo i treni locali o regionali. Dalla stazione si può raggiungere il centro di Soave in circa quindici minuti di auto o autobus. La vostra guida turistica di Soave potrà incontrarvi direttamente in stazione.

All'interno delle mura medievali o nelle immediate vicinanze sono presenti alcune cantine (Corte Mainente, Coffele, Cantina del Castello, Pieropan, Borgo Rocca Sveva). La maggior parte delle aziende vitivinicole si trova però nel territorio circostante, tra le colline o a Monteforte d'Alpone, a pochi minuti di macchina da Soave.

Il Nome

Prima che dilagasse la moda del Prosecco e del Pinot Grigio, il Soave era il vino prodotto in Veneto più esportato e apprezzato in Italia e nel mondo. Molti ancora pensano erroneamente che il nome del paese derivi dalla soavità del suo vino. In realtà è il borgo fortificato che ha dato il nome al vino.
“Soave” probabilmente deriva dalla parola Svevi, nome di una popolazione germanica che si stanziò qui nel corso delle invasioni barbariche alla fine dell'Impero Romano.

Il Vino Soave

Il Soave è sempre un vino bianco, che però si trova in molte tipologie e stili diversi.
Giovane è fermo e secco. Invecchiato diventa morbido e strutturato. Può essere anche spumante o dolce passito.
Non ha un'aromaticità preponderante. Il suo carattere si basa sull'equilibrio tra acidità e mineralità. Questo è il segreto del successo del Soave. Il suo delicato bouquet comprende tipicamente note di fiori di sambuco, ginestra, agrumi, timo, mandorla.
Nelle varietà Superiore e Riserva si distinguono note minerali di selce, pietra focaia, frutti tropicali.
Se il vino ha passato un periodo di affinamento in botte si aggiungono note di vaniglia e spezie dolci.

Il Soave è un vino molto versatile. Si abbina perfettamente a una grande varietà di occasioni, piatti, cucine nazionali e internazionali.

La zona di Soave è una denominazione di origine controllata. Per potersi fregiare del nome in etichetta il vino deve sottostare a un rigido disciplinare di produzione.
Innanzi tutto è fondamentale dove le uve vengono coltivate. Gusto e caratteristiche del vino variano molto a seconda del terreno e dell'altitudine. Per questo esitono sotto-denominazioni. In etichetta si potranno dunque trovare varie combinazioni di diciture a seconda di zona e tipologia.

DOC Soave – Classico – Colli Scaligeri

il castello di Illasi circondato da colline e vigneti

Come per tanti altri vini italiani, la dicitura Classico indica il vino della zona dove è nata denominazione. A Soave questa coincide con il Monte Tenda e l'area collinare che divide la Val Tramigna e la Val D'Alpone.

L'area collinare a est e a ovest delle due valli è fuori dalla zona Classica ma è qualitativamente simile. Si è perciò voluto sottolineare questa specificità con la sotto denominazione Colli Scaligeri.

Soave, senza ulteriori specificazioni, si riferisce invece al vino prodotto nell'ampia zona pianeggiante. Tende ad essere più semplice e delicato.

DOCG Soave Superiore - Riserva

L'elevazione dei vigneti è un fattore determinante per la qualità del Soave. Il vino classificato come Soave Superiore può essere prodotto solo con uve di vigneti di collina: Classica o Colli Scaligeri. Le rese massime di uva per ettaro sono ridotte. Si ottengono così mosti più concentrati e una gradazione alcolica più alta che da disciplinare dev'essere di almeno 12%. Negli ultimi anni in realtà raramente si ferma sotto il 13%. La messa in commercio può avvenire dopo almeno 6 mesi di affinamento.
La denominazione Superiore Riserva è appannaggio del Soave migliore, con gusto e aromi ancora più intensi. Deve avere almeno 12,5% di gradazione alcolica e un anno di affinamento. Alcuni produttori utilizzano botti di rovere per la maturazione in cantina, che donano al vino note speziate e vanigliate.
Superiore e Riserva sono insigniti della DOCG (Denominazione di Origine Controllata e Garantita), la più alta certificazione di origine nel sistema di classificazione italiano. Sono vini più strutturati e corposi.
Anche se i vini bianchi vanno di norma consumati giovani, potete conservare bottiglie di Soave Superiore e Riserva per diversi anni nella vostra cantina. Anche una decina per le annate migliori. Il risultato della maturazione vi sorprenderà.

Soave Spumante

Molti produttori utilizzano il vino Soave come base per la spumantizzazione, sia in autoclave che in bottiglia. I risultati sono in genere molto gradevoli, e per alcuni prodotti decisamente interessanti.

Recioto di Soave

Uva garganega in appassimento su graticci per la produzione di Recioto

Il Soave può anche essere un vino passito dolce, da abbinare al dessert o a formaggi stagionati. Al momento della vendemmia, le uve migliori vengono delicatamente selezionate a mano e messe ad appassire per un periodo di 3-4 mesi in cassette o nelle tipiche mensole di incannucciato. In questo periodo negli acini i liquidi evaporano e zuccheri e altre sostanze aromatiche si concentrano e affinano.
Nella fase di vinificazione la fermentazione viene fermata prima che tutti gli zuccheri si trasformino in alcol.
Il risultato è un vino alcolico ma piacevolmente dolce. Grazie agli alti livelli di minerali e acidi che controbilanciano, non risulta stucchevole però. Spesso sviluppa un'aromaticità insolita e intensa, con note di miele di castagno, cedro candito, albicocche secche, frutti tropicali.
Il Recioto di Soave è un vino dal colore dorato, molto fine ed elegante, perfetto per i dolci, la frutta secca. Si può anche abbinare per contrasto a formaggi saporiti come caprini ed erborinati.

Abbinamenti del Soave

Il Soave è un vino molto versatile. Nei suoi diversi stili può abbinarsi a tutte le fasi di un pasto.
Spumante è perfetto per un brindisi di aperitivo.
Da giovane e fresco è l'ideale per l'antipasto, con prosciutto, salami grassi come la Soppressa Veneta, finger food, primi leggeri, carni bianche, fritti, pesci e crostacei delicati.
Quando è più strutturato come il Superiore o il Riserva si accompagna bene a primi saporiti, pesce dal gusto deciso, arrosti di carni bianche, formaggi di media stagionatura. Il Recioto è ideale per dolci di pasta frolla, crostate di marmellata, frutta secca in guscio, oppure formaggi dal sapore intenso.
Il Soave ha avuto uno straordinario successo in Giappone. Grazie alla sua aromaticità discreta ed elegante è un perfetto abbinamento alla cucina nipponica. Non solo per sushi e sashimi, ma anche con piatti dove la componente sapida (umami) necessita di un vino gustoso ma non invadente.

La Geologia di Soave

Cartina della composizione del suolo nella zona di Soave

La geologia della zona di produzione del Soave è molto complessa. Come tutta l'area sub-alpina veronese è caratterizzata da uno spesso strato di calcare accumulatosi nel corso di milioni di anni quando questa zona era il fondo di un mare tropicale. Qui però alla stratificazione di calcare si aggiunse un'intensa attività eruttiva che accumulò nella zona grandi quantità di lava solidificata.
I vulcani oggi sono scoparsi. I movimenti tettonici e l'erosione hanno modellato le dolci colline e le vallate tipiche dei monti Lessini.

Colata di lava che finisce in mare

Dove un tempo il paesaggio era selvaggio come alle Hawaii, con mare tropicale e violenti fenomeni eruttivi, oggi ci sono i vigneti del Soave. Le caratteristiche del terreno, e quindi del vino che vi si produce, risentono molto di quell'antica attività geologica. Molti vini Soave sono caratterizzati da una mineralità vulcanica, in particolare quelli prodotti con uve coltivate sul monte Tenda e attorno alla valle d'Alpone. Qui infatti si trova il suolo più ricco di basalto e altre rocce effusive ed intrusive.

La Garganega: l'uva del Soave

Colata di lava che finisce in mare

L'uva del vino Soave è la Garganega, un vitigno autoctono coltivato solo nel veronese e nel vicentino. La Garganega è un'uva generosa, che nel suolo ricco delle colline e valli di Soave dà produzioni abbondanti ma di qualità. È un'uva neutra, senza aromi preponderanti. Questo permette al terreno di esprimersi al meglio, trasmettendo al vino la sua impronta minerale.
Nell'uvaggio del Soave sono facoltativi Trebbiano di Soave e Chardonnay fino a un massimo del 30%. Negli ultimi anni tuttavia, il Soave 100% Garganega è diventato la norma per gli enologi che cercano la qualità legata al territorio.
Sempre più frequenti sono anche i vini monovigneto. È sorprendente come terreni confinanti possano dare vita a vini così diversi tra loro.

Il Tour delle Cantine di Soave

Nel tour guidato delle cantine di Soave è possibile fare delle bellissime passeggiate nei vigneti. In estate si potrà scoprire la Garganega coi suoi bei grappoli dorati. La visita prosegue nella bottaia, spesso scavata nella roccia, dove i vini riserva trascorrono il tempo di affinamento. Il tour naturalmente si conclude con e un assaggio dei vini più tipici. Si possono abbinare stuzzichini a base di formaggio e salumi. Alcune cantine hanno splendidi pergolati all'aperto dove trascorrere un momento di relax sorseggiando del buon vino.

Prima o dopo la cantina si può fare la visita guidata del castello e del borgo medioevale.

All'interno del borgo e nelle immediate vicinanza sono numerosi i ristoranti, le enoteche le gastronomie di prodotti tipici dove è possibile assaggiare e acquistare i prodotti del territorio.

Info e prenotazioni:

+39 333 2199 645 info@veronissima.com P.I. 03616420232 C.F. CPPMHL74L13L781C